02/01/11

Film "natalizi" da VEDERE (e rivedere) - Speciale DISNEY

Mary Poppins


su RAI2 alle 15,30

Lilo & Stitch

 su RAI2 alle 18,05

Biancaneve e i sette nani

su Rai1 alle 21,30

 

"Mary Poppins" è uno dei film di cui maggiormente, oggi, ignoro i motivi del successo. Girato nel 1964, è un musical colorato e simpatico, che riesce a colpire con frasi no-sense (il nostro Supercalifragilistichespiralidoso), e che è completamente permeato attorno all'interpretazione di una splendida Julie Andrews, che vinse l'Oscar. Per il resto, al di là del soggetto, di alcune trovate musicali, appunto, a vederlo (e faccio un errore di prospettiva, ne sono conscio) oggi mi sembra un film visivamente povero, di gran lunga inferiore anche agli standard musicali precedenti. Dirige Robert Stevenson, che è legato ai film Disney non meno riusciti nè famosi, ma forse più semplicistici. Si continua con la fase Disney di nuova generazione e con "Lilo & Stitch", uno dei pochi film dell'ultimo decennio che hanno ottenuto attenzione e merchandising, per dirla tutta. Inferiore (e di molto) alle "Follie dell'imperatore" (ma sono troppo di parte), è  però ricco di elementi godibili, con i due personaggi principi che sono geniali (e che avrebbero potuto essere meglio sfruttati, nei vari sequels) e un'ambientazione (le Hawaii) memorabile e che riesce a dare una connotazione inedita all'intero film, senza dimenticare la passione della piccola Lilo per Elvis Presley. Consigliato, insomma. Infine, continua la saga delle principesse Disney in prima visione, con il capolavoro "Biancaneve e i sette nani", del 1937, che può essere definito il primo lungometraggio animato della storia del cinema ed è, forse, la pietra miliare artistica in cui si pone l'attività di Walt Disney, che grazie al successo del film, difficile da prevedere, ebbe la possibilità di continuare, nonostante la spesa esosa per la realizzazione, nel sogno oggi visibile ovunque e chiamato, dal suo nome, Disney. Biancaneve vinse un'Oscar speciale. E io non vedo l'ora di rivederlo.

Nessun commento:

Posta un commento